I Greci, gli Etruschi e l’immagine

À Ischia, au VIIIe siècle av. J.-C., un artisan décore une amphore avec l’image d’un lion rêvant à sa proie et cette action, pour ceux qui regardent le vase, établit la possibilité de partager le rêve du lion. Mais est-il encore possible pour nous de redécouvrir un rêve aussi ancien et dans quelle mesure pouvons-nous en être les interprètes ? Les contributions rassemblées dans cet ouvrage, publiées sur vingt ans (1999 – 2018), tournent autour de cette question. Elles tissent le fil conducteur d’une enquête entre images et textes, entre Grecs et Étrusques, dans laquelle des variations significatives comptent autant que l’adhésion à une norme, révélant ainsi l’incidence de récits et d’imaginaires alternatifs, par rapport à ceux connus du grand public. Sur ce chemin, nous rencontrons des protagonistes habitués à traverser les frontières, à intervenir dans différentes dimensions: artisans, maîtres et victimes de leur savoir-faire, un héros à taille humaine comme Ulysse et Dionysos, le dieu vagabond qui multiplie les niveaux de notre experience.

A Ischia, nell’VIII sec. a.C., un artigiano decora un’anfora con l’immagine di un leone che sogna la preda e questa azione, per chi guarda il vaso, istituisce la possibilità di condividere il sogno del leone. Ma è ancora possibile per noi ritrovare un sogno così antico e fino a che punto possiamo esserne interpreti? Intorno a questa domanda ruotano i contributi raccolti nel volume, pubblicati nel corso di un ventennio (1999 – 2018). Essi delineano il filo di un’indagine tra immagini e testi, tra Greci e Etruschi, in cui le variazioni significative contano quanto l’adesione ad una norma, rivelando l’incidenza di narrazioni e immaginari alternativi rispetto a quelli selezionati dalla committenza pubblica. Lungo questo percorso si incontrano protagonisti abituati a oltrepassare i confini, a intermediare dimensioni diverse: gli artigiani, padroni e vittime del proprio saper fare, un eroe a misura d’uomo come Odisseo e, naturalmente, Dioniso, il dio vagabondo che moltiplica i piani della nostra esperienza.

La Lettre du Séminaire Arts et sociétés du Centre d’histoire de Sciences Po a publié la recension   de cet ouvrage par Annie et Alain Schnapp.

En français, en anglais : Greeks, Etruscans and the image | Alain and Annie Schnapp.

Ci-après le début d’une version italienne de ce compte rendu :

I Greci, gli Etruschi e l’immagine

IL LEONE SOGNA LA PREDA (D’Agostino, Bruno, Cerchiai, Luca), recensione di Annie e Alain Schnapp.

La  tombe de « la  Chasse et de la Pêche » à Tarquinia. Wiki commons. User: Arthur Laisis~commonswiki.

I due autori di questa raccolta sono noti studiosi di etruscologia e hanno già pubblicato un importante libro sul rapporto tra gli Etruschi, i Greci e l’immagine. Il presente lavoro è il seguito del precedente, in vista di un progetto a lungo termine basato su un approccio storico-antropologico.

Gli autori esaminano lo status dell’immagine e il ruolo degli artigiani al crocevia tra il mondo greco e quello etrusco. Il loro lavoro riguarda tanto l’iconologia quanto i trasferimenti culturali tra civiltà diverse, una delle quali (quella greca) esercitò un’influenza dominante sull’altra (quella etrusca).

Questo libro fornisce risposte ad alcune delle domande più attuali all’inizio del XXI secolo. Come è stata realizzata la condivisione culturale? Cosa ne è stato dei temi mitologici raffigurati sui vasi e sulle pitture funerarie, come sono stati interpretati e quali scelte sono state fatte tra di essi?

L’uso quasi esclusivamente funerario dei vasi in Etruria e la loro presenza più discreta nelle necropoli della Grecia classica cambiano il quadro.

La raccolta affronta tre temi, dopo una rassegna metodologica che privilegia i lavori di J.P.Vernant, P.Vidal-Naquet e François Lissarrague (“Ecole de Paris”):

– L’artigiano e la città ;

– L’immaginario omerico, i viaggi di Ulisse;

– La figura di Dioniso nel mondo etrusco, soprattutto funerario, tra il banchetto e la morte.



Citer ce billet
Brigitte Gilardet (2024, 7 mars). I Greci, gli Etruschi e l’immagine. Histoire musées expositions. Consulté le 22 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/vz3d